Ilios, Kebab e cucina greca a Roma.

Un articolo lampo deve essere fatto per parlare di un posto a Roma dove poter gustare un ottimo Kebab. Se vi trovate nei pressi della zona della Basilica San  Paolo non potete non andare da Ilios. Le sue pite possono essere farcite con tutti i tipi di carne dal suino al manzo ed ‘è possibile scegliere anche una variante vegetariana.

Noi abbiamo optato per due Kos, con carne di suino condito con patatine, cipolla di Tropea, salsa Meligiano salata (a base di melanzane) e salsa Tirokafteri (con feta piccante) e per un piatto di formaggio alla piastra con miele.

Se vi piace la cucina greca non ve ne pentirete insomma! Inoltre come accompagnamento trovate anche le birre tipiche greche, noi abbiamo preso una ζ

20150720_222355

Non è adatto per sedersi e passare lì un intera serata, ma è solo un ottimo posto dove mangiare al volo squisiti piatti greci!

Da Tonino “Er Pallucca”

Il nostro ultimo viaggio ci ha portati a Roma: la città eterna, patria di piatti straordinari e di una cultura gastronomica millenaria. Dove potevamo goderci quindi le ricette più famose di una così ampia offerta culinaria se non in una tipica osteria locale? La capitale è disseminata di migliaia di ristoranti di alto livello che propongono i piatti della tradizione come “da Felice a Testaccio”, “Evangelista” o “Il Cecchino”, ma questa volta abbiamo deciso di optare per un locale per niente elegante e raffinato: da Tonino a via del Governo Vecchio, meglio conosciuto come er Pallucca.

La location è immersa nel cuore del centro storico. Si trova infatti a pochi passi da alcuni dei luoghi di interesse più importanti della città come Piazza Navona, Campo de’ Fiori e il Pantheon e conserva lo stile spartano della tipica trattoria romana: locale piccolo (forse anche troppo) così come la cucina e i bagni, tavoli mal allestiti con tovaglie di carta usa e getta e disposti a caso a seconda delle esigenze, appese alle pareti foto che richiamano alla recente storia romana e un certificato di benemerenza del Comune di Roma risalente agli anni ’30.

Il personale non è per nulla professionale sia nell’abbigliamento che nel rapportarsi con i clienti anche se tutti i ragazzi dello staff sono comunque simpatici e alla mano.

Per quanto riguarda il cibo er Pallucca non sarà certo il luogo in cui poter trovare piatti sofisticati o sperimentare la nouvelle cuisine anzi meglio tenersi alla larga se si è alla ricerca di qualcosa di delicato e leggero. Il menù è infatti composto dai piatti più tipici della cucina romana partendo dall’Amatriciana, alla coda alla Vaccinara passando per la cacio e pepe e le polpette alla romana.

tonino1gricia

Per quanto riguarda i primi abbiamo deciso di ordinare un piatto di gricia e uno di amatriciana entrambi ben conditi con abbondante olio, pecorino e sale a cui si aggiungeva il grasso del guanciale che rendeva il tutto “unto e bisunto”.

20150721_230005

Per i secondi invece ci siamo fiondati su due involtini alla romana ed una coda alla vaccinara: i primi ripieni di sedano cipolla e carote erano ben preparati anche se nutriamo qualche dubbio sulla freschezza della carne, mentre la seconda nonostante fosse stata cucinata nel modo giusto è stata presentata in una porzione forse un po’ troppo abbondante (il sugo strabordava letteralmente dal piatto). Per finire abbiamo ordinato un semplice tiramisù palesemente preconfezionato. Il tutto è stato accompagnato da un vino della casa, unico presente sul menù (forse Tavernello o Ronco in brocca da un litro).

Ma passiamo ai giudizi.

Location 5: voto regalato. Il locale non sarebbe diverso da un comune garage se non fosse per la posizione centrale e per la romantica ambientazione che lo circonda.

Servizio 5: anche qui voto un po’ troppo alto dato più per la simpatia che per la professionalità.

Cibo 5,5: non si mangia affatto male, i piatti sono cucinati come da tradizione e i prezzi sono ottimi soprattutto se si considera la zona in cui si trova il locale. I problemi sono due: da un lato i prodotti utilizzati nella preparazione dei piatti non sono sicuramente di prima qualità anche se comunque passabili; dall’altro è tutto un po’ troppo grassoso e abbondante il che potrebbe risultare fastidioso per i palati più fini.Indicato quindi per chi ama le mega abbuffate a base di pasta, condimenti abbondanti e convivialità.