Babel Wine Bar Deli&Art, Enoteca nello scenario della splendida Ravello (SA)

Dobbiamo ammetterlo…A noi la costiera piace un sacco non importa se sorrentina o amalfitana…E come potrebbe essere altrimenti? Il paesaggio mozzafiato sia di giorno che di notte è un incanto per i turisti, ma ogni volta lo è anche per noi che siamo del posto. E quando poi a così tanta bellezza si unisce anche del buon cibo, non si può chiedere di meglio. Stavolta però abbiamo passato una piacevole serata non solo all’insegna del mangiare, ma anche dell’arte perché la location molto piccola e graziosa di questa enoteca sita nella parte alta di Ravello (Costiera amalfitana) è completamente arredata da splendidi oggetti e quadri tanto da avere quasi l’impressione di mangiare nella galleria di un artista ed è in fondo la sensazione giusta dato che è quasi tutto in vendita come abbiamo avuto modo di notare.

11401570_917599458301596_147755643764299381_n

Ma passiamo al menù, ci troviamo in una sera d’estate e perfettamente in linea con l’occasione, ci è stata offerta una scelta di piatti molto fresca e allora abbiamo preso come antipasto delle bruschette con polpettine, salsa di pomodori e scaglie di pecorino e una caponata molto leggera perché a base di tonno, pomodorini, cipolle e formaggio fresco a cubetti. Niente di particolarmente ricercato, ma è stato fatto un buon utilizzo della materia prima bilanciando bene i vari sapori e in più anche la presentazione è stata giustamente curata.

Per proseguire, prendiamo solo un altra portata, scegliendo prosciutto crudo, melone e formaggio e un ottimo gazpacho con formaggio fresco, basilico e chips di pomodori. Anche qui i piatti non erano particolarmente elaborati però i prodotti utilizzati erano tutti freschi, ben assemblati e di buona qualità.

11206096_581641608643683_5530013317023978240_n

Come vino abbiamo accompagnato il tutto con un Marisa Cuomo Costa d’Amalfi Furore Rosso 2013.

Per finire, ci siamo lasciati andare anche al dolce optando per una delizia al limone che abbiamo diviso siccome molto grande su suggerimento del proprietario. Forse un po’asciutta.

Valutazione:

Location: 7, un perfetto mix tra gusto e arte che è sempre bello da vivere poiché stimola non solo il gusto, ma anche la vista e i sensi…Anche l’occhio vuole la sua parte insomma! Peccato solo per le dimensioni un po’ troppo ridotte del locale.

Servizio: 7, nessuna nota al riguardo, personale attento e professionale.

Cibo: 7, molto interessante per la preparazione dei piatti soprattutto perché si vuole forse dare l’idea che anche il cibo è un opera d’arte e in quanto tale va preparato e presentato in un certo modo e a noi quest’idea piace molto. Unica nota: i prodotti utilizzati sono sicuramente di qualità ma a nostro avviso i piatti sono un po’ troppo “semplici”. Stiamo parlando pur sempre di un wine bar e non di un ristorante però sarebbe stato carino un utilizzo più innovativo e spregiudicato dei prodotti.

Presentazione Generale: 7, ha un buon rapporto qualità prezzo (considerato il fatto che ci si trova pur sempre in uno degli scenari più belli e ambiti del nostro Paese), ovviamente non è luogo adatto per abbuffate o per gustare appieno l’offerta gastronomica locale, ma per assaggiare piatti freschi e leggeri gustando uno degli ottimi vini presenti sulla carta e passare una piacevole serata in costiera.

Estate: sole, mare e…grigliate all’aperto!

Con l’arrivo dell’estate e del caldo non si ha quasi mai la voglia di stare chiusi in casa piazzati davanti ai fornelli a cucinare. Meglio pasti leggeri o serate all’aperto passate a consumare pasti frugali. Ma siamo sinceri: a noi il cibo piace, ci piace mangiare e pur di addentare qualcosa di buono non ci facciamo certo intimorire dalle alte temperature, anzi perché non sfruttare la situazione a nostro vantaggio? La bella stagione ci regala infatti giornate dei bel tempo e serate calde e gradevoli. In queste condizioni abbiamo così l’occasione di organizzare delle allegre grigliate all’aperto in compagnia di amici o in famiglia e gustare così il sapore della carne cotta alla brace accompagnata da una bella birra ghiacciata.

Thick Raw T-Bone Steak with Seasoning and Rosemary

Non stiamo qui a spiegare per filo e per segno come mettere su una grigliata coi fiocchi, ma, per chi come noi dovesse essere interessato a questa eventualità, ecco sei piccoli consigli utili:

1) Non scegliere possibilmente carne di vitello. Dal punto di vista organolettico infatti questa carne è poco saporita e più povera dal punto di vista nutrizionale. Essa è inoltre più soggetta ad adulterazioni (utilizzo di anabolizzanti per gonfiare la carne). A ciò si aggiungono anche le tecniche disumane di allevamento (con i piccoli che vengono separati dalla madre dopo pochi giorni di vita e legati alla rastrelliera).

2) Scegliere preferibilmente tagli di razze italiane. Il nostro paese è infatti ricco di numerose specie sia bovine (Chianina, Piemontese, Maremmana, Marchigiana, Podolica ecc…) che suine (Cinta senese, Casertana, Mora romagnola, Nero calabrese ecc…) tutte con caratteristiche organolettiche uniche e sapori diversi e straordinari.

3) Utilizzare tagli di carne con piccole venature di grasso o effettuare la lardellatura sui tagli magri. Il grasso trafilato infatti rende la carne più morbida e piacevole da assaporare.

4) Non trafiggere mai la carne con coltelli o altri utensili da cucina durante la cottura: tutti i succhi fuoriusciranno dalla ferita e la carne risulterà dura e difficile da masticare.

5) Se non si è esperti è consigliato l’utilizzo di un termometro da inserire al centro del taglio per controllare la cottura. Per quanto riguarda le carni rosse le temperature di 54°C, 57°C e 60°C corrispondono rispettivamente alle cotture al sangue media e ben cotta.

6) Viste le alte temperature della stagione estiva e quelle ancor più elevate in prossimità della griglia è consigliabile conservare la carne nel frigo, in borse frigorifero o comunque luoghi freschi.

Buon divertimento e soprattutto buon appetito!!!